Documento senza titolo
FESTA DELL'EUROPA 2008


La “Festa dell’Europa”, il 17 maggio 2008, presso il Seminario di Nola

Una vittoria che si rispetti va sempre festeggiata come si deve, ed ecco che i ragazzi dell’I.V.P. hanno fatto le cose in grande. Ispirandosi al successo della festa del 19 Maggio dello scorso anno, durante la quale sono intervenute numerose personalità del campo politico e religioso del nolano,  l’I.V.P. ha deciso di riproporre, anche quest’anno, la “Festa dell’Europa” che si è celebrata nel corso della mattinata del 17 maggio presso il chiostro dell’Istituto, nel Seminario di Nola.

La festa dell’Europa 2008 è stata suddivisa in due fasi: La prima, di natura celebrativa e di sensibilizzazione alle problematiche europee, è stata aperta dal saluto del Rettore del seminario, Rev. Mons. Gennaro Romano. La prof.ssa di Storia e Filosofia, Ermelinda Cannavacciuolo, ha illustrato l’importanza della “festa dell’Europa” nelle scuole, mentre, Antonio Santaniello, uno degli studenti della redazione, ha testimoniato la sua “duplice”  entusiasmante esperienza ed ha incoraggiato le nuove leve a raccogliere la sua “eredità”. L’intervento dell’onorevole Paolo Russo ha chiuso la parte “istituzionale” della festa.
Si è svolto poi l’EuroParty, ovvero la seconda fase della manifestazione, squisitamente a carattere di “happening” festivo. Nel corso del party si sono esibiti alcuni studenti della scuola, che hanno recitato, cantato e suonato con grande trasporto. Ospiti della manifestazione, particolarmente attesi e graditi dal pubblico giovanile del Vescovile, sono stati “Kianka & Frankie Flow” due giovani emergenti del panorama soft-rap campano.

Un ricco buffet di Snacks, drinks ed eurodolci è stato allestito sotto i gazebo blu “europa” predisposti per l’occasione; il tutto in perfetta sintonia col clima di “festa europea” che l’I.V.P. ha inteso trasmettere alle delegazioni delle Scuole Medie e dei Licei dei paesi limitrofi, invitate a partecipare, non solo per festeggiare assieme il secondo riconoscimento nazionale, ma soprattutto per riflettere insieme sulla “nostra” Europa. La manifestazione ha riscosso grandi consensi e complimenti, ma ciò che conta di più è stato il raggiungimento dei due obbiettivi fondamentali della festa: la sensibilizzazione delle coscienze sui principi dell’Unione Europea ed il sano divertimento.